5.2.15

Laia Falcón Estudio para Otello de Verdi

Audio y texto italiano de dos dúos y un aria de Otello de Verdi. Quando narravi, Aria del sauce, Chi è là?
Audio 
LAIA FALCÓN, ARIEL HERNÁNDEZ
Quando narravi. Otello. Verdi.

DESDEMONA
Quando narravi l'esule tua vita
e i fieri eventi e i lunghi tuoi dolor,
ed io t'udia coll'anima rapita
in quei spaventi e coll'estasi in cor.
OTELLO
Pingea dell'armi il fremito, la pugna
e il vol gagliardo alla breccia mortal,
l'assalto, orribil edera, coll'ugna
al baluardo e il sibilante stral.
DESDEMONA
Poi mi guidavi ai fulgidi deserti,
all'arse arene, al tuo materno suol;
narravi allor gli spasimi sofferti
e le catene e dello schiavo il duol.
OTELLO
Ingentilia di lagrime la storia
il tuo bel viso e il labbro di sospir;
scendean sulle mie tenebre la gloria,
il paradiso e gli astri a benedir.
DESDEMONA
Ed io vedea fra le tue tempie oscure
splender del genio l'eterea beltà.
OTELLO
E tu m'amavi per le mie sventure
ed io t'amavo per la tua pietà.
DESDEMONA
Ed io t'amavo per le tue sventure
e tu m'amavi per la mia pietà.
OTELLO
E tu m'amavi…
DESDEMONA
E tu m'amavi…
OTELLO
Ed io t'amavo…


LAIA FALCÓN
Aria del sauce. Otello. Verdi.
OTELLO. VERDI.

„Scorreano i rivi fra le zolle in fior,
gemea quel core affranto,
e dalle ciglia le sgorgava il cor
l'amara onda del pianto.
Salce! Salce! Salce!
Cantiamo! Cantiamo! Il Salce funebre
sarà la mia ghirlanda.
Scendean 'augelli a vol dai rami cupi
verso quel dolce canto.
E gli occhi suoi piangean tanto, tanto,
da impietosir le rupi.“

Riponi quest'anello.

Povera Barbara! Solea la storia
con questo semplice suono finir:
„Egli era nato per la sua gloria,
io per amar…“

Ascolta.

Odo un lamento.
Taci. Chi batte a quella porta?

„Io per amarlo e per morir…
Cantiamo! Cantiamo!
Salce! Salce! Salce!“
Emilia, addio. Come m'ardon le ciglia!
è presagio di pianto. Buona notte.

Ah! Emilia, Emilia,

Addio, Emilia, addio!

LAIA FALCÓN, ARIEL HERNÁNDEZ
Chi è là? Otello. Verdi.

Chi è là? Otello?
OTELLO
Sì! Diceste questa sera le vostre preci?
DESDEMONA
Orai…
OTELLO
Se vi sovviene
di qualche colpa commessa che attenda
grazia dal ciel, imploratela tosto.
DESDEMONA
Perché?
OTELLO
T'affretta. Uccidere non voglio
l'anima tua.
DESDEMONA
D'uccider parli?
OTELLO
Sì.
DESDEMONA
Pietà di me, mio Dio!
OTELLO
Amen.
DESDEMONA
E abbiate pietà voi pure.
OTELLO
Pensa ai tuoi peccati.
DESDEMONA
Mio peccato è l'amor.
OTELLO
Perciò tu muori.
DESDEMONA
E perché t'amo m'uccidi?
OTELLO
Ami Cassio.
DESDEMONA
No! sull'anima mia!
OTELLO
Quel fazzoletto ch'io ti donai gli desti.
DESDEMONA
Non è vero.
OTELLO
Nella sua man lo vidi.
DESDEMONA
Io rea non sono!
OTELLO
Confessa!
DESDEMONA
Giuro!
OTELLO
Bada allo spergiuro…
Pensa che sei sul tuo letto di morte.
DESDEMONA
Non per morir.
OTELLO
Per morir tosto.
DESDEMONA
Aita!
Cassio non amo…ch'ei qui venga…ei parli.
OTELLO
Muto è per sempre.
DESDEMONA
Cielo! Morto?
OTELLO
freddoMorto.
DESDEMONA
Son perduta! ei tradito!
OTELLO
con forzaE pianger l'osi?
DESDEMONA
Otello…non uccidermi…
OTELLO
Tu invano ti difendi.
DESDEMONA
Ch'io viva ancor…ch'io viva ancor…
ch'io viva ancor…
OTELLO
Giù! cadi, giù, cadi, prostituta…
DESDEMONA
Pietà!
OTELLO
Muori!!
DESDEMONA
Ch'io viva questa notte…
OTELLO
No!
DESDEMONA
Un'ora…
OTELLO
No!
DESDEMONA
Un istante…
OTELLO
No!
DESDEMONA
Sol ch'io dica un'Ave.
OTELLO
È tardi!




















Libreto completo













































.........